Balcone fiorito: come scegliere le piante

0

Quando non è possibile avere un giardino o uno spazio aperto ampio, si opta per il balcone soprattutto quando si abita all’interno di appartamenti in città. Se si desidera avere piante e fiori differenti che possano rendere molto più bello e rigoglioso il balcone /terrazzo sarà bene scegliere elementi che in linea con i propri spazi e con il clima.

Acquistare le piante adatte per un balcone non è da considerarsi un’idea semplice e vanno adattate, trattate e controllate continuamente.

Piante per balcone: quali scegliere

Per addobbare il balcone con piante e fiori, la prima valutazione da fare è relativa allo spazio a disposizione e quale sia la parte soleggiata e quella in ombra, considerando – di conseguenza – quali acquistare e come sistemarle.

Per i balconi che sono soleggiati durante tutto il giorno ci sarà la necessità di scelta di alcune piante che gradiscano la luce e non patiscano il calore:

  • Petunie: ideali per i luoghi molto soleggiati devono però essere protette dal vento;
  • Gerani: da appendere alle griglie oppure sistemate direttamente all’interno dei vasi amano la luce esterna, anche molto intensa;
  • Tulipani: il sole è il loro elemento naturale e ne hanno costantemente bisogno per crescere e sopravvivere al meglio. 

Se, al contrario, il balcone è in zona d’ombra sarà necessario optare per altre tipologie di piante che non necessitino della luce del sole:

  • Camelie: non richiedono sole ma umidità e ventilazione continua, ideale per le città che possono dar loro questi elementi continuamente;
  • Begonie: ideali per le zone d’ombra donano a balconi e davanzali un grande impatto di colori e profumi;
  • Balsamina: i suoi meravigliosi colori non hanno necessità del sole per essere sviluppati ma è bene fare attenzione ai venti gelidi e alle correnti di aria intense, dalle quali devono essere ben riparate.

C’è un terzo caso, ovvero la possibilità di avere un balcone sia soleggiato che ombreggiato a seconda del momento della giornata. E’ fondamentale quindi che vengano scelte fiori/piante adatte a questa situazione particolare:

  • Ortensie: meglio se prendono il sole al mattino e siano all’ombra di pomeriggio, così da poter sviluppare tutta la loro bellezza. Attenzione ai venti gelidi e forti, dalla quale meglio proteggerle:
  • Campanule: anche in questo caso meglio prendano il sole al mattino e l’ombra di pomeriggio;
  • Fucsia: una tipologia di pianta che può ricevere sia il sole che l’ombra in quantità differenti, sviluppandosi ugualmente e continuamente senza problemi.

Per quanto riguarda le piante aromatiche e quindi costruire una piccola parte del balcone dedicata a queste è bene sapere che si adattano a ogni situazione – caldo, vento, ombra – sviluppandosi nel migliore dei modi.

Emanano un ottimo profumo e possono essere impiegate per la creazione di alcune composizioni naturali come infusi, creme, lozioni e impacchi sino ad diventare un prezioso alleato in cucina. Quelle che possono stare in un balcone, senza sofferenza, sono:

  • lavanda
  • basilico
  • menta
  • prezzemolo
  • timo 
  • salvia
  • origano
  • malva

Per chi ama le piante grasse è necessario disporre di uno spazio alto, non lungo, in quanto la maggior parte tendono a svilupparsi in verticale. Mentre in estate potranno stare all’aperto senza problemi, in inverno è bene vengano fatte entrare in casa in una stanza dove non c’è un riscaldamento molto alto.

Piante per balcone: la cura

Gli elementi della natura possono aiutare nella crescita e salvaguardia delle piante poste in balcone, ma la mano umana deve collaborare per curarle e nutrirle al meglio. I consigli dei professionisti del settore, sono:

  1. prima di acquistare la pianta controllare la caratteristica e il clima del luogo, senza tralasciare dettagli importanti:
  2. ogni pianta ha necessità di essere curata singolarmente, quindi non si possono applicare regole che possano andare bene per tutte quelle scelte:
  3. adattare la terra alla pianta e non il contrario, acquistando la tipologia ideale per una crescita forte e sana;
  4. valutare la quantità necessaria di acqua che ogni pianta scelta necessita;
  5. valutare la dimensione del vaso al fine che la pianta cresca senza alcuna costrizione.

In inverno le temperature sono rigide e si dovrebbe avere una piccola serra dove riporre tutte le piante, oppure portarle direttamente in casa con attenzione a non farle entrare in contatto con il riscaldamento: lo sbalzo di temperatura – infatti – potrebbe non far loro superare la stagione. 

Controllare sempre le piante, tutti i giorni, per verificare che non vengano infestate da batteri o insetti che si nutrono delle stesse per vivere; nel caso farsi consigliare da un esperto sulla tipologia di diserbante da utilizzare, preferibilmente naturale e che non faccia ulteriori danni alle piante. 

Ultimo, ma non meno importante, creare armonia di forme e colori che possano regalare al proprio balcone una visione glamour e non come una tavolozza di nuance scelte a caso.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.